Recensione: Biblion di Merilù Lanziani

Foto di Morgan’s Stories

Vi presento questo fantastico e avvincente libro che mi ha ispirata particolarmente: Biblion, di Merilù Lanziani.

La storia è molto particolare e  molto particolare e appena lo ho ricevuto sono rimasta subito affascinata anche dalla copertina, dove i #libri e i colori ci fanno subito vivere una certa magia (infatti l’artista che la ha realizzata adesso lavora per #netflix 😲).

Ma la cosa più affascinante di questa opera è proprio la trama: e se alla fine della propria esistenza ci fosse una seconda possibilità? La possibilità di divenire detentore dei destini altrui, divenendo un Esordiente di #Biblion, la #biblioteca universale dove si designano i destini degli esseri umani, e quindi uno degli scrittori delle vite di coloro che stanno per nascere sulla Terra, affiancando l’Ingogobbito, il dio-scrittore che in primis controlla i destini dell’intera umanità?!
Ganzo eh?! Specialmente per chi ama i libri e la #scrittura.
📚📚📚
Un libro intrigante, introspettivo e a volte anche cupo, che può far riflettere su come alcune piccole azioni della nostra vita possano poi determinare quella degli altri, come ogni nostre decisione influenzi il dato altrui.
Personalmente sono rimasta molto colpita da questi temi, e ho amato la descrizione della protagonista disegnata da Merilù che ad alcuni potrebbe risultare quasi antipatica ma per cui io simpatizzo particolarmente 😏😉.

Inoltre ho trovato il libro scritto anche molto bene, in modo coinvolgente e studiato, essendo Merilù, oltre che una scrittrice, una Editor professionista.
Vi invito a scoprirne di più personalmente, su questo affascinante libro che potrete trovare su Amazon a questo link:

Biblion su Amazon – Link di acquisto


Inoltre questa trama sarebbe adattissima per una trasposizione cinematografica, o comunque per una magnifica e avvincente serie tv!
Voi che ne pensate?
📚
Ce la Vedreste una serie #netflix o #amazonprimevideo ?!
📚
Io sì!
🎁

Fatecelo sapere nei commenti!!!

Morgan

RECENSIONE: Astaron la torre nel deserto

Titolo : Astaron la torre nel deserto

Autore: A.P. Rackam

Pagine: 354

Editore : Selfpublished Amazon

Uscita: 8 agosto 2019

TRAMA

In un mondo fantastico, dominato da una natura selvaggia e inospitale, Astaron è un giovane medico di umili origini, ma dalle caratteristiche uniche. Dotato di ingegno e forza di volontà fuori dal comune, migra dalla terra natale per fuggire dall’isolamento e dalle umiliazioni a cui è sottoposto. In cerca del riscatto sociale, parteciperà a battaglie ed imprese pericolose; si scontrerà con il lato oscuro della propria personalità ed entrerà in conflitto con se stesso. Atmosfere cupe si alternano a momenti di azione intensa; introspezione, viaggi interiori e avventura generano una storia avvincente che sorprende ad ogni pagina.

RECENSIONE

Astaron la torre nel deserto è un libro che come possiamo già leggere dalla trama ci apre la strada ad una terra avvolta da mistero e avventura. Una terra inospitale dove il protagonista, Astaron, si ritrova a vivere, e che lo vedrà coinvolto in mirabolanti avventure.

La storia è coinvolgente e capace di appassionare il lettore. L’ambientazione è molto intrigante e ben descritta, la stessa cosa si può dire dei mostri e dei popoli che vi abitano e con i quali si dovrà scontrare il protagonista.

Astaron stesso non è un semplice umano, ma presenta delle ali , una pelle molto chiara e delle branchie, retaggio della madre che proveniva dal popolo del mare.

Il protagonista nasce come un umile medico, dedito al suo lavoro ma con la passione per inventare oggetti. Stanco di questa vita si riscoprirà quindi Inventore, partecipando ad un concorso indetto in una terra lontana, e cercherà il riscatto proprio tramite le sue invenzioni. Questo sarà il punto di partenza per le sue mirabolanti avventure. Personalmente ho apprezzato molto il protagonista, che non è solo avventuroso ma anche geniale, ricordandomi un po’ un Leonardo da Vinci, cosa che me lo fa apprezzare ancora di più. Sarà proprio la sua genialità ad essere protagonista del libro.

I personaggi sono ben studiati e possiamo trovare anche abbastanza approfondita la loro psicologia.

In conclusione ho apprezzato il libro e mi sento di consigliarlo a tutti!

Gemini di Omar Costenaro – Recensione

Gemini di Omar Costemaro con segnalibro a tema di @readytoread.bookmark

Salve lettori, eccoci qui per scoprire una nuova #recensione !
Oggi parleremo di #Gemini , #romanzo#fantasy di @omarcostenaro_writer !

.
«Cambia il passato. Salva il presente. Riscrivi il futuro.»
.

Sapete già che sono un’appassionata di viaggi nel #tempo, no? XD
Questo libro mi ha appassionata molto, perché è carico di magia e colpi di scena!


Ma di che parla Gemini ?

Appena iniziamo la #lettura ci ritroveremo in in mondo cristallizzato dove il giovane Ologold si sta allenando insieme al suo maestro, lo stregone #Syter , il più potente dell’universo, come capiamo sia abitudine da sempre; ma qualcosa sembra scuotere la loro routine, che forse era impostata on quel modo già in previsione di qualche evento straordinario: i due dovranno immediatamente partire per un viaggio ai limiti del possibile per salvare la #magia, scomparsa improvvisamente, e quindi il destino di tre gemelli, che sembrano averle dato origine, ma che qualcuno vuole morti, per evitare che chiunque possa farne uso.

A questo filo rosso principale si intrecciano molte altre vicende che convergeranno nei capitoli finali, mostrandoci retroscena della storia legati ad una vecchia e sanguinosa guerra tra Syter e Key.

Viaggeremo quindi nel tempo, orientandoci con il sistema di date fornito dall’autore nelle prime pagine del volume, e in ambientazioni a cavallo fra il fantasy classico e la #fantascienza , infatti non mancheranno città avveniristiche e navicelle spaziali (adoro 😍).

I capitoli di questo libro sono moltissimi e piuttosto corti, spesso per il cambio di atmosfere che si genera nella narrazione. Ho trovato lo stile molto descrittivo e attento, e ho percepito come l’autore ci tenesse a farci immaginare il mondo, le espressioni e i tratti dei #personaggi come si designavano nella sua mente.

Quello che più mi ha lasciata a bocca aperta è stato però il finale, dove sono rimasta con la voglia di scoprire cosa accadesse nel seguito, che l’autore sta scrivendo 😉
Se siete amanti delle ambientazioni miste, fantasy e fantascienza questo libro farà al caso vostro!

Inoltre consiglio assolutamente la versione cartacea del libro, per la bella copertina dove un grande orologio preannuncia già i viaggi nel tempo, su cui vediamo passeggiare i tre gemelli che danno il nome alla storia, e Ologold e Syter, dalla parte opposta. Gli alberi richiamano l’atmosfera fantasy che possiamo ritrovare in alcune parti del romanzo, mentre i cristalli rappresentano il mondo su cui si aprono le scene all’inizio della narrazione.

Sperando di avervi incuriositi, confido di ritrovarvi presto per una nuova storia da raccontare di uno dei nostri bravissimi #autoriemergenti !

Morgan
P.s.: Il #segnalibro a tema in foto è a cura di @readytoread.bookmark , mentre le #candele sono di @magic_candleworks

Morgan e l’orologio senza Tempo

La magia all’interno del romanzo

Benvenuti a questa quarta tappa del blogtour, dove verrà esaminata la magia all’interno del romanzo.

Sin dal primo capitolo veniamo in contatto con la magia anche se in forma misteriosa. Questa, in modo più o meno esplicito, domina tutto il romanzo, cosa che la differenzia da un classico romanzo d’avventura sui pirati. Possiamo notare che si presenta sotto differenti forme, quella classica del mago, praticata dai Magius ( come sono soliti definirsi) che lancia incantesimi tramite formule magiche e studio assiduo ed una più arcana e misteriosa e ,apparentemente, scomparsa. Quest’ultima infatti tende al mito e alle leggende e viene praticata da coloro che vengono definiti gli Eletti. La differenza tra le due tipologie risulta netta. Quella praticata dai Magius è una sorta di creazione, che sfrutta il potere degli elementi della natura tramite il verbo, sono le parole stesse ad infondere potenza negli incantesimi. La magia degli eletti invece si trova su tutt’altro livello, è un qualcosa di primordiale ed istintivo creato da e per conto della volontà del personaggio che la usa, sfruttando tutto il suo essere comprese le sue emozioni. Grazie a questo potere è stato creato l’orologio senza tempo…un cimelio capace di alterare lo spazio-tempo, nel quale si trova infuso tramite magia le emozioni, le speranze e i desideri del suo creatore che ne alimenta gli ingranaggi.

Ma la magia non finisce qua… come detto precedentemente la differenza del potenziale delle due forme è netta, ma non lo è la capacità di usarla. Come potremo vedere, verremo a conoscenza di modi in cui la magia degli eletti verrà usata sfruttando antichi rituali anche da coloro che inizialmente non lo erano, elevandosi a questo status. Ciò prova che, per quanto differenti, le varie forme sono collegate e la differenza è data dalla forza di volontà della persona.

E’ la volontà dunque che domina questo magico mondo.